SEPARAZIONE

SOS: MAMMA E PAPÀ SI SEPARANO

I casi di separazione sono ormai da qualche anno all’ordine del giorno e non sono più motivo né di scandalo né tanto meno di stupore.

QUANTE SEPARAZIONI E DIVORZI IN ITALIA?

I dati più recenti riguardo l’analisi dei matrimoni e delle separazioni/divorzi in Italia, è stata condotta dall’ISTAT nel 2015 e i risultati di quell’indagine sono stati pubblicati verso la fine del 2016. Da quell’indagine risulta che nel 2008 le separazioni e i divorzi con figli minori ammontavano rispettivamente al 52,3% e al 37,4%; nel 2015 quei numeri sono aumentati passando al 53,6% per le separazioni con figli minori e al 40,5% per i divorzi, sempre con figli minori.

Nonostante la separazione non ci stupisca più, a questa ancora nessuno comunque vorrebbe mai arrivare.

La separazione per molte persone è vissuta come un fallimento, non solo di coppia ma anche personale e rispetto alla propria famiglia d’origine (“Ho deluso i miei genitori”).

Tutte le aspettative, le illusioni, le fantasie sul proprio futuro e sull’essere “famiglia”, con la separazione si spezzano e tutti i membri della famiglia si ritrovano a dover affrontare il lutto di quella fine e a doversi riorganizzare e ricostruire.

#1 STEP: “CI SEPARIAMO”

PERICOLO SOCIAL SOTTO I 13 ANNI

Quanti genitori sono consapevoli del pericolo che si nasconde nell’utilizzo dei social sotto i 13 anni?

“TRATTO DA UNA STORIA VERA”

pericolo socialSiamo nell’era dei nativi digitali, ovvero di quei bambini, ormai ragazzi, nati “con il cellulare”, ovvero con la tecnologia (computer, cellulari, internet) a portata di mano.

L’altro sera ero al ristorante e sono rimasta scioccata nel vedere che una bambina di 8 mesi, seduta sul passeggino a fianco del tavolo dove ero io, teneva fra le sue due manine paffutelle lo smartphone della mamma e muoveva le immagini facendo scivolare le sue ditine: ipnotizzata. Rimase così per quasi mezz’ora. A L L A R M A N T E (episodio realmente accaduto).

Obiettivo raggiunto per i genitori, giusto?

depressione

LA DEPRESSIONE CHE UCCIDE

Qualche giorno fa, l’ennesima persona del paesino in cui sono cresciuta, si è tolta la vita.

Cosa ci stia dietro a questa morte, associata alla “depressione”, non lo può sapere nessuno, né i familiari, né gli amici, né tanto meno i giornali.

Una cosa è certa: la depressione porta alla morte. Non sempre alla morte fisica, per fortuna, ma ad una “morte interna”, sì.

Occorre distinguere fra lo stato depressivo, che tutti noi possiamo provare in un periodo difficile della nostra vita, ad esempio lavorativo o familiare e la depressione che, per essere diagnosticata, si colloca entro determinati parametri che lo psichiatra e lo psicologo (non il coach o il counselor) possono definire e sulla quale possono lavorare. Ma non voglio ora guardare alla depressione con occhi “clinici”, quanto piuttosto con occhi umani, con lo sguardo del cuore.

Cos’è la depressione.

stress

AMORE E STRESS: COME CONVIVERE?

Gli uomini e le donne di fronte allo stress reagiscono in maniera molto diversa (Leggi l’articolo “DIFFERENZE FRA UOMINI E DONNE“).

Ho sempre avuto relazioni con donne bellissime, meravigliose, sono sempre stato molto attratto, rapporti sessuali super… Con l’aumentare dell’intimità e con il passare del tempo, però, puntualmente cambiava qualcosa: loro cominciavano a parlarmi dei loro problemi. Allora io ho sempre cercato di aiutarle ed ero persino convinto di essere in grado di risolvere tutti i loro problemi. Qualche settimana dopo però, loro avevano di nuovo tutti i loro problemi… Quindi mi sono sentito come fregato. Sono sfigato: tutte le donne che incontro hanno bisogno di terapia! Mi sento proprio sfigato!”

UOMINI E DONNE DI FRONTE AI PROBLEMI

Partiamo dal presupposto che il litigio nella coppia è fondamentale e che scontrarsi è segno di salute della coppia (leggi l’articolo “L’IMPORTANZA DEL LITIGIO“).

C’è da dire,però, che spesso i litigi nascono dalle incomprensioni sulla modalità comunicativa del partner e può essere utile farne chiarezza per evitare inutili tensioni.

Gli uomini tendono a chiudersi e a chiedere consiglio e aiuto alla partner solo in extremis. Le donne invece sono generalmente portate a parlare, a raccontarsi, a svuotarsi di tutti i loro persi, senza per forza aspettarsi di arrivare ad una soluzione! Già solo il fatto di parlare dà loro la sensazione di liberazione e di sollievo.