separazione

LA SEPARAZIONE È COME IL LUTTO

L’abbandono, la separazione, separazione rientra fra i più traumatici eventi separativi perché rompe un legame di attaccamento azzerando ciò che costituiva il legame stesso: il senso di sicurezza, la fiducia, l’intimità e la vicinanza emotiva.

Spesso si sente dire che una separazione è vissuta inconsciamente  come un lutto, ed è per questo che fa tanto male.

E’ vero.

separazioneQuando due persone si lasciano (e nella maggior parte dei casi non si arriva equamente a prendere questa decisione ma c’è sempre un partner più forte e uno più fragile), il dolore che si può vivere, la “disperazione per amore” è per molti aspetti equiparabile a ciò che si prova quando muore qualcuno.

Se non lo hai già fatto, leggi l’articolo “Come avviene l’elaborazione del lutto” e vediamo qui, invece, quali sono le reazioni all’abbandono e le differenze rispetto al vissuto del lutto.

REAZIONI ALL’ABBANDONO

1. SBILANCIAMENTO DEI TEMPI DEL LUTTO

separazioneSe nel lutto, ovviamente, è uno dei due a soffrire, in una separazione spesso uno dei due partner vive il lutto mentre l’altro è da tempo in una situazione di lontananza emotiva. Questo aspetto azzera la componente di “rifugio sicuro” che la coppia dava e la possibilità di ricorrere all’ex partner per ottenere conforto. Nel lutto si può trovare comunque rifugio nel fatto che la persona che è venuta a mancare ci amasse. Nella separazione, invece, quella persona non solo non c’è più fisicamente nella nostra vita, ma è lontana anche affettivamente.

2. ENFASI DEI COMPORTAMENTI DI RICHIAMO

Si alternano il pianto, la disperazione, le accuse, la rabbia, il controllo, alle richieste di vicinanza e di ripresa del rapporto. Come nella seconda fase del lutto (la fase della “collera” descritta nell’articolo “Come avviene l’elaborazione del lutto“) è presente la speranza nella possibilità di un ritorno del partner per cui non ci si dà pace.

3. ASPETTO DI TRAUMA E PARADOSSO

Il paradosso, nell’abbandono e nella separazione, riguarda il fatto che l’esperienza di dolore e disperazione che si sta vivendo deriva dalla stessa persona (“figura di attaccamento”) dalla quale si vorrebbe andare per chiedere conforto. Nel lutto la mente si aggancia a questa persona (chiediamo a chi abbiamo perso di “guardarci”, di “guidarci”, di rimanere dentro di noi). Nella separazione questa persona è lontana, forse già innamorata di qualcun altro, cosa che rende ancora più difficile il superamento di questa fase.

4. SOSPENSIONE E RIORGANIZZAZIONE DEGLI SCHEMI RELAZIONALI

Come avviene in una buona elaborazione del lutto, si entra nell’ultima fase quando si comincia a dare una nuova direzione al pensiero, alle emozioni, alle componenti di accudimento e di vicinanza. La persona riesce a mantenere un senso personale di unità e coerenza di fronte a un evento separativo e comincia a costruirsi partendo da sé.

In molti casi, per evitare di attraversare il dolore di un abbandono, le persone trovano un sostituto/una sostituta che compensi quel vuoto lasciato dalla chiusura di una relazione.

È logico pensare che questo tamponamento non consente realmente di elaborare la fine di una relazione ma conduce in una spirale di continue compensazioni (leggi l’articolo “LE RELAZIONI TAPPABUCHI“).

© DR.SSA ILARIA CADORIN
Psicologa n°9570 Albo Psicologi del Veneto

Metti il tuo MI PIACE alla mia pagina Facebook
Dr.ssa Ilaria Cadorin Training Autogeno!ILARIA CADORIN

Contatto e-mail: cadorin.ilaria@gmail.com
INSTAGRAM: ilariacadorinpsicologa
LINKEDIN: Ilaria Cadorin
YOUTUBE: Ilaria Cadorin

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.