img_6901

L’AMORE A SAN VALENTINO

“Amarsi a San Valentino”: cosa significa?

C’è chi sostiene che San Valentino sia una festa solo commerciale.

Chi pensa che San Valentino debba essere “tutti i giorni”, per cui non si ha bisogno di festeggiarlo.

E c’è chi il San Valentino lo ha sempre ritenuto occasione per fare qualcosa di speciale e chi, invece, l’ha sempre snobbato, criticando i “romantici” o “finti-romantici” della giornata.

Una rivalutazione psicologica di San Valentino

ILARIA CADORIN

L’IMPORTANZA DEL LITIGIO

Serve litigare?

Serve discutere, confrontarsi e a volte forse anche scontrasi?

Sì. Il litigio è importante ed è qualcosa di naturale, considerando che due partner, per quanto possano essere simili, sono due esseri unici, l’uno diverso dall’altro, in continua evoluzione e trasformazione.

Attenzione alle situazioni in cui il litigio non c’è mai!

Lo scontro a volte può essere necessario per “riassettare” il sistema, per permettere ai partner di organizzarsi in un nuovo equilibrio e, lo sappiamo bene, non c’è mai cambiamento senza il passaggio per una CRISI, piccola o grande che sia.
A volte può durare dieci minuti, un’ora, un giorno… a volte un mese, un anno, forse di più.

Ma la coppia che resiste a quello scontro, a quel conflitto, tornando ad abbracciarsi, sarà molto più forte di una coppia che fa qualsiasi cosa per evitare il conflitto, con la paura, inconscia o consapevole, di smuovere qualcosa “che è meglio se rimane così”, nonostante porti insofferenza, insoddisfazione e infelicità.