big little lies cover

VIOLENZA DOMESTICA: BIG LITTLE LIES

Quando si parla di violenza, fisica e/o psicologica, ad opera del partner, non sempre l’attenzione sul tema è così forte da farci soffermare… a meno che non siamo 1 di quelle 3 donne in Italia che la subiscono (dati ANSA 2017).

BIG LITTLE LIES

Una serie televisiva spettacolare che ho avuto modo di vedere recentemente è BIG LITTLE LIES (“Piccole grandi bugie”), ritenuta tra i dieci migliori programmi televisivi del 2017 e vincitrice nel 2017 del Premio Emmy per miglior serie tv, miglior regia e miglior attrice a Nicole Kidman.

Big Little Lies è una storia in 7 episodi che inizia con un omicidio di cui non si conoscono né la vittima né il colpevole. Il film prende forma quindi sulla narrazione degli interrogatori, nei quali si delinea la storia di tre donne di Monterey, in California, accomunate dall’avere i figli nella stessa classe elementare.

ILARIA CADORIN

L’IMPORTANZA DEL LITIGIO

Serve litigare?

Serve discutere, confrontarsi e a volte forse anche scontrasi?

Sì. Il litigio è importante ed è qualcosa di naturale, considerando che due partner, per quanto possano essere simili, sono due esseri unici, l’uno diverso dall’altro, in continua evoluzione e trasformazione.

Attenzione alle situazioni in cui il litigio non c’è mai!

Lo scontro a volte può essere necessario per “riassettare” il sistema, per permettere ai partner di organizzarsi in un nuovo equilibrio e, lo sappiamo bene, non c’è mai cambiamento senza il passaggio per una CRISI, piccola o grande che sia.
A volte può durare dieci minuti, un’ora, un giorno… a volte un mese, un anno, forse di più.

Ma la coppia che resiste a quello scontro, a quel conflitto, tornando ad abbracciarsi, sarà molto più forte di una coppia che fa qualsiasi cosa per evitare il conflitto, con la paura, inconscia o consapevole, di smuovere qualcosa “che è meglio se rimane così”, nonostante porti insofferenza, insoddisfazione e infelicità.

SEPARAZIONE

I FIGLI DURANTE LA SEPARAZIONE

Le separazioni non sono un problema, non più grande o più grave, almeno, di quanto possa costituire lo stare in un clima familiare doloroso e conflittuale.

Però è anche vero che i figli di genitori separati vivono sicuramente una sofferenza che tutti vorrebbero negare, ma che esiste, c’è e che bisogna accettare ed anche aiutare a far esprimere.

Nei casi di separazione, occorre sempre prestare reale attenzione a come i vostri piccoli possono vivere la situazione di separazione coniugale.

Per un bambino, infatti, non è mai “normale” quando la sua mamma e il suo papà “non si vogliono più bene”. I bambini nascono dall’Amore dei loro genitori e quando quell’amore finisce viene messo in discussione tutto, anche la loro esistenza (e da qui le domande: “E’ per me che non volete più stare insieme?”, “E’ colpa mia?”, “Ho sbagliato io?”).

ilaria cadorin

ATTACCAMENTO: COME AMIAMO E PERCHÈ

(Articolo scritto per il QuotidianoOnline: PensallaSalute)

Ognuno di noi può aver constatato con la propria esperienza che non tutti esprimono l’amore nello stesso modo: c’è chi è sicuro dell’altro e vive serenamente la relazione di coppia, c’è chi è perennemente in ansia (controlla, è geloso, vuole avere il partner sempre vicino, lo chiama miliardi di volte al giorno) e c’è chi fugge (ci si vede qualche volta, ma attenzione che non si crei troppa intimità perché è assolutamente geloso dei suoi spazi e della sua indipendenza).

Queste dinamiche di coppia sono state studiate, e continuano a venir approfondite da diversi psicologi e le conoscenze a cui si è giunti sono davvero di grande interesse perché conoscere le origini dei diversi comportamenti e le caratteristiche peculiari ha permesso di capire quali possono essere i matching o “abbinamenti” più sani e positivi.