LETTERA DI UNA PSICOLOGA A BABBO NATALE: CI SI RISENTE

Caro Babbo Natale,

Dopo un paio di anni dalla mia ultima lettera a te come psicologa, sono tornata a scriverti.
È una sera di dicembre. Ma potrebbe anche essere ottobre, agosto, giugno o febbraio.
È una sera dopo lavoro, dopo diversi colloqui, dopo parole che hanno riempito queste quattro mura del mio studio di storie ed emozioni di vita.

La Sindrome del Salvatore, sono certa, è anche dentro di me, proprio per la scelta professionale che ho fatto; ma è una dinamica che ho ben presente, a cui ho dato un nome e che so tenere a bada.

Però questa sera di dicembre, come quelle di ottobre, agosto, giugno o febbraio, e dopo aver incontrato nel mio studio Cinzia, Giulio, Matteo, Martina, Anna, Luisa, Marisa, Alessandro, Camilla, Enrico e molti altri adulti, adolescenti e bambini… io vorrei tanto chiederti una cosa.
So che andrebbe contro i miei interessi, perché io, con questo lavoro, ci pago le bollette.
Ma vorrei tanto, davvero tanto, che i nodi dei miei pazienti si potessero sciogliere “magicamente”.

Sì, lo so, sono io stessa a dire ai miei pazienti che “la bacchetta magica non esiste e se esistesse l’avrei già data io a loro”.
E so anche, prima ancora che per esperienza professionale, di certo per la mia storia personale, che questo della psicoterapia è uno dei tanti e buoni percorsi di vita per lavorare sulle proprie ferite, per imparare a stare in una sana e buona relazione, con l’altro, il terapeuta, e interiormente con le proprie parti buone, sane, quelle che ci servono per stare bene, per crescere, evolvere.

Ricordo con il cuore pieno di affetto la mia analista. Affetto vero, puro, perché quello che si crea nel rapporto con la terapeuta è qualcosa di unico, non replicabile: quello è il Nostro spazio, abbiamo una persona che è lì, con corpo, mente ed emozioni, tutte per noi, per aiutarci, per sostenerci, a volte anche per “cazziarci”, quando la nostra parte bambina fa i capricci e stringe i pugni per rimanere nella sofferenza, replicando schemi, dinamiche e modelli non buoni per noi. La psicoterapeuta è lì, per noi.

Lo so, lo so, il mondo è vario e si possono trovare mele marce ovunque, però io non posso e non voglio fermarmi su quelle. Voglio pensare ai tanti che lavorano bene, con il cuore, non per il guadagno materiale (che pur serve per arrivare a fine mese), ma per il guadagno interiore.
Ci sono sicuramente moltissimi lavori arricchenti, come quello del medico, dell’insegnante, ma anche quello della barista, del commesso all’ortofrutta, del calzolaio. Tranquillo, riconosco che anche il tuo lavoro è di valore e non di poco conto: arricchisci la fantasia dei bimbi, li fai sognare emozionati nei giorni precedenti al tuo arrivo manifestato con i pacchi colorati sotto l’albero (e tu sai quanto io adori il Natale!)… ma, senza offesa, il tuo lavoro dura pochi giorni l’anno!

Il mio è continuo, costante. Sono a contatto con dolore. Lacrime. Fatiche. Ferite mai cicatrizzate. Amputazioni del cuore. E su questo, con i miei pazienti, impariamo a starci, buttando fuori la rabbia, la frustrazione, il dolore immenso, piangendo tutte le lacrime che si hanno e arrivando a finire la mia scorta di Clinex sulla scrivania.

Ma, vecchio mio… tu non puoi immaginare che emozioni pazzesche si vivono in quello spazio di terapia. Quando si assiste alla nascita di un nuovo pensiero illuminante, alla scoperta e presa di coscienza che si possono fare altre cose e in altri modi rispetto a come si sono fatte fino a quel momento, che si può lottare per stare Bene, che si può esigere di avere un rapporto di coppia appagante e che, per questo, occorre tirare su le maniche non di due braccia, ma di quattro; le risate in seduta, le metafore che io e il paziente costruiamo per dare forma alla sua storia, per renderla concreta, più chiara ed esplicita.

Però… oggi è una sera di dicembre.
Fra pochi giorni terminerò le mie sedute dell’anno. 

Rivedrò i miei pazienti a gennaio e passeranno due-tre settimane senza i nostri incontri fissi, certi e costanti, e già questa è una magia in un mondo liquido dove tutto può cambiare, variare, dissolversi e distorcere alla velocità della luce.

In questa sera di dicembre, che potrebbe anche essere di ottobre, agosto, giugno o febbraio, ti chiedo di guardare Cinzia, Giulio, Matteo, Martina, Anna, Luisa, Marisa, Alessandro, Camilla, Enrico e tutti gli altri “miei” adulti, adolescenti e bambini e, perche no, anche quelli che non conosco, che avrebbero tanto bisogno di aiuto, ma non hanno il coraggio di fare quel primo passo verso il cambiamento.

Regala loro un istante di serenità. Non ho la pretesa che tu faccia passare loro un periodo “da sogno”, lo abbiamo detto che la magia non esiste. Però un istante, anche solo un istante di serenità, regalaglielo: guardando fuori dalla finestra il cielo stellato, mangiando un cibo che piace da impazzire, ascoltando i canti di Natale mentre fanno commissioni in giro per il centro, in una risata con i propri amici o familiari nel giorno di Natale.

Ti chiedo solo questo.
Grazie.


© DR.SSA ILARIA CADORIN

Psicologa n°9570 Albo Psicologi del Veneto

www.ilariacadorin.com

ILARIA CADORIN

Metti il tuo MI PIACE alla mia pagina Facebook Dr.ssa Ilaria Cadorin Training Autogeno

Segui il mio profilo INSTAGRAM  ilariacadorinpsicologa

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è INSTAGRAM-IMMAGINE-169x300.jpg

Acquista il mio libro “TI BASTI TU. Guida per auto-rilassarsi con il Training Autogeno” Immagine

TI BASTI TU
bruxismo

BRUXISMO: QUANDO LA TENSIONE MENTALE SI SFOGA SUI DENTI

Se hai aperto questo articolo è molto probabile che il tema letto sul titolo ti riguardi direttamente o indirettamente, forse perché soffri o hai sofferto di bruxismo o perché ne soffre qualcuno che conosci.

È anche vero che questo termine è ormai conosciuto dalla maggior parte delle persone, probabilmente per la grande percentuale di soggetti a cui è stato “diagnosticato”.

Qualora invece tu non ne sapessi niente e la parola “bruxismo” fosse per te nuova, e proprio per questo ha attirato la tua attenzione, vediamo insieme di scoprire cos’è il bruxismo e come mai ne sto scrivendo io nel ruolo di psicologa.

ti basti tu

PERCHÈ HO SCRITTO UN LIBRO?

Bisogna sempre essere prudenti con i libri e con ciò che contengono,

perché le parole hanno il potere di cambiarci

Cassandra Clare

A metà luglio ho pubblicato il mio libro “TI BASTI TU. Guida per auto-rilassarsi con il Training Autogeno“, un manuale pratico sulla tecnica di rilassamento che ormai insegno da anni.

Da quando ho condiviso la pubblicazione sui vari social, come Facebook e Instagram, in moltissimi mi avete chiesto incuriositi cosa mi avesse fatto scegliere di scrivere un libro.

La mia risposta rilancia un’altra domanda, più generica: perché si scrive un libro?

Ciò a cui si pensa di primo acchito è “per lasciare un segno” e “per dire la propria” in merito a una questione specifica.

Ho chiesto anche a chi mi segue in Instagram, quali sono a loro avviso le possibili motivazioni e alcune, tra le decine e decine di risposte arrivate, sono state: per donare qualcosa di noi (ilgattononce), per conoscere meglio se stessi, per racchiudervi una parte di noi (valenassimentina), per dare voce all’anima, alla vocina che vuol venire fuori da te (Giusy), “perché qualcuno risponda” (Michele). C’è chi ha anche pensato che si scriva un libro perché si comprende meglio una certa realtà solo condividendola (Marco).

Un libro è pur sempre un lascito e non si fa solo per se stessi ma anche (e soprattutto, almeno nel mio caso), per aiutare gli altri.

rilassamento

Corso di Training Autogeno

Per quanto ancora sei disposto/a a rimandare il tuo benessere?
Se sei /a per cambiare le “regole del gioco” nella tua vita, vieni a conoscere il TRAINING AUTOGENO (T.A.), una delle più famose e longeve tecniche di rilassamento volte ad equilibrare e armonizzare mente e corpo.

MARTEDì 26 FEBBRAIO 
alle ore 20.00

presso lo Studio Privato Dr.ssa Ilaria Cadorin in viale P. Bertolini 49 a Montebelluna (TV)
si terrà il primo incontro del corso di TRAINING AUTOGENO!

Alcuni BENEFICI che si raggiungono con il T.A.:
* Controllo e gestione dello stress.
* Miglioramento dell’umore
* Controllo delle reazioni emotive eccessive (rabbia, irritabilità, emotività…)
* Creazione autonoma di uno stato di calma e distensione
* Maggior concentrazione, più memoria e migliore capacità di apprendimento
* Maggior distacco dai problemi
* Maggior naturalezza, spontaneità e armonia.
* Miglioramento della capacità introspettiva (maggior conoscenza di sé)
* Abbassamento dello stato d’ansia
* Rapido recupero delle energie
* Possibilità di addormentarsi facilmente (per chi soffre d’insonnia)
* Normalizzazione delle funzioni di tutti gli organi, dalla digestione alla pressione arteriosa, solo per fare qualche esempio
* Diminuzione o soppressione delle sensazioni dolorose: ad esempio nel parto
* Allevia le tensioni
* Migliora le prestazioni lavorative, sportive, professionali
* Rinforza la sicurezza in sé
* Rinforza la motivazione
….e molti altri!!!

RIMANGO DISPONIBILE ANCHE PER UN SEMPLICE CONFRONTO IN MODO DA CAPIRE QUALE È IL PERCORSO CHE MEGLIO TI SI ADDICE IN QUESTO MOMENTO DELLA VITA.

Per maggiori informazioni CHIAMA o SCRIVI a:  346.42.31.590 (dott.ssa Ilaria Cadorin)
o scrivi un’e-mail all’indirizzo cadorin.ilaria@gmail.com. Oppure, se preferisci, compila il form sottostante

 

 

stress

LO STRESS CHE FA BENE

Lo STRESS non sempre è negativo!
In psicologia, si distinguono due diversi “tipi di stress”:

– EUSTRESS, o stress “buono”

Con questo termine si fa riferimento a quel tipo di sana tensione che ci aiuta ad affrontare e superare le varie sfide che la vita ci propone e si sviluppa quando l’esperienza è voluta e ci dà la sensazione di dominare l’ambiente.
Alcuni esempi: la preparazione di un esame in due giorni o avere a che fare con una mole di lavoro che riguarda però qualcosa che ci gratifica! Una volta terminato il compito e giunti a conclusione del momento “positivamente stressante” ci sentiamo più soddisfatti e con un più alto grado di autostima.

– DISTRESS, o stress “cattivo”